Tag

, , , , , , ,

Entrare, in punta di piedi, nella vita e nella passione altrui. Mondi nuovi che si confondono. Aria diversa che insieme diventa respirabile. Dare in mani altrui ogni debolezza, ogni paura, chiavi per distruggere e avere la sicurezza che ciò non verrà mai fatto. Gioire per altrui vittorie, aver braccia che se cadi faranno da paracadute. Sangue che, nei canali, inizia a ribollire, inizia a girare in modo diverso. il velo di gelosia che rafforza e ricuce ad ogni risata insenature di vestiti traditi dal dare e non ricevere mai. Mai. Geograficamente lontani, con la carne, il sudore, le mani, lo sguardo e il pensiero tremendamente vicini. Non stare proprio bene se ci si allontana, stare troppo bene seci si avvicina. “Scotta?” – “No, non scotta” – “Tu mi dici così, ma se poi per te non scotta e per me invece si?” – “Fidati, ogni tua scottatura è una mia ustione”. Iniziare una frase e completarla insieme. Guardare il cielo, dentro una macchina, immaginare un plexiglass, sapere che nulla crollerà. Camminarsi strofinando i fianchi, ad ogni caduta trovare una mano e un sorriso. Consegnare in notti fredde ma ben riscaldate le armi che potrebbero ucciderti, essere certi che non verranno mai usate, piuttosto smantellate e rese innocue. Il giusto equilibrio e la trasparenza nel non aver confini, respirare in due e andare perfettamente a tempo. La fiducia è: “Guarda il cielo oggi è così verde…” – “Ma non è azzurro?” – “Guarda, guarda meglio…è verde!” iniziare davvero a vedere il cielo verde. “Si ma hai visto il mare?” – “Che ha il mare?” – “Non vedi che oggi il mare è rosa?” – “Hai ragione…è proprio rosa!”.

 

Annunci