Tag

, , , , ,

Scoppiare in un impeto di rabbia e spaccare tutto, distruggere per poi avere l’illusione di poter ricominciare. Quando non basta più stringere i pugni e i denti digrignano e se la disperazione è troppa, distruggere qualcosa ci da conforto. Chissà come mai. Forse è il male che vorremmo fare a noi stessi. Non ci ho mai pensato abbastanza. Sempre meglio pensare che il brandire pugni o calci a qualcosa sia tutta voglia di reagire. Sarebbe molto più preoccupante di più se si preferisse chiudere l’esplosione tra gambe e braccia, in fondo al letto, piangendo fino a sentire il sale delle lacrime in gola. Ricomprare il letto, ricomprare l’armadio, ricomprare un telefono scagliato: se tutto questo serve a reagire non mi sento di condannarlo.

Reazioni immature? No, non credo, anche se poi è il carattere a determinarle. C’è un’altro “anche” che mi viene in mente. Anche se è il carattere a determinare questo tipo di esplosioni altrettanto vero è che mai al mondo ho incontrato qualcuno che non avesse quel desiderio. Che poi distruggere fa un sacco di casini. Lascia i cocci, Lascia stanchi, Lascia da mettere a posto e la pigrizia è tanta. A volte è necessario. Lo dobbiamo a noi stessi. Nel vedere qualche maceria però qualcuno ritrova lo spirito giusto. Come la fenice che dalle sue ceneri risorge. Ogni volta meglio e ogni volta ancora. Ci sarebbe bisogno di braccia forti che riescono a calmarti. Qualcuno che ti chiude in macchina o ti urla contro e ti fa stare al tuo posto. Qualcuno che ti lascia fare e sta li al tuo fianco in attesa che la rabbia o il “male” si calmino.

Mille altre cose potrebbero aiutare a sfogare ogni esplosione del cuore. Anche esplosioni di gioia, mi sembra ovvio. Urla, grida, salti, “cazzo si!”, tutte cose del genere o tipo attaccare la voglia di ridere agli altri. A volte pensiamo di essere tutto quello di cui abbiamo bisogno, poi incontriamo qualcuno che dei nostri successi è contento esattamente come te. Ecco, li capisci che le esplosioni è bello detonarle insieme o assistere insieme. Penso sia un pò come quando si tossisce e sembra venir fuori l’anima. Puoi tirarti su e spalmarti del vicks. Si, ma si sa, se il vicks te lo spalmi da solo, o ti sporchi o, dappertutto, non ci arrivi.

Annunci