C’è una malinconia che fa sorridere. Come una canzone dei Jimmy Eat World. Ti Ferma e ti porta a pensare. Con gli occhi fissi sul soffito. Una mancanza che avrà presto fine. Malinconia per la mancanza. Il sorriso perchè verrà presto annullata la distanza tra te e quello che ti manca. Lo sfibrillare del neon per un bottone difettoso. I movimenti rallentati.  I pensieri imbevuti di miele. La voglia di una rotella di liquirizia. La voglia che tutto vada bene. La voglia di estate e di un viaggio. Uno solo. C’è questa malinconia qua che fa sorridere e la accarezzi quasi. Come se fosse un gatto. Ruffiano e intelligente. Perdersi in 7 metri quadri di camera da letto.

Il mercurio non ha avuto bisogno di nessuna mano che lo sbattesse per scendere. Il termometro è di nuovo sulla credenza. In bagno. Ci sono dei vestiti puliti. Sanno sempre di freddo i vestiti puliti. Poter uscire significa mangiarsi il tempo che ti ha portato malinconia. Ma non quella malinconia cattiva. Quella che ti ferma. Quella che ti fa riflettere e pensare. Quella che ti fa sorridere. Come una canzone acustica dei Foo Fighters. O, per esempio, come una canzone dei Jimmy Eat World.

 

Annunci